La dieta Paleo è uno stile alimentare che ripropone quella che era la nostra alimentazione prima che l’industria alimentare avesse il sopravvento. Essenzialmente punta su alimenti naturali, quindi non lavorati, cibi con i quali il nostro corpo si è evoluto.
Vengono completamente eliminati tutti i prodotti industriali, preconfezionati, quindi salse, e sughi pronti, biscotti, merendine, patatine e snacks, alimenti contenenti glutine, zucchero, marmellate, bevande alcoliche e zuccherate (comprese le light), lasciando invece ampio spazio a tutti i tipi di verdure, carni (specie se grasse), pesci, uova, con moderazione patate, riso, frutta e miele.
Un po’ controversa è la questione dei legumi e dei latticini. Alcuni dei sostenitori più radicali della dieta paleo li eliminano altri invece (tra cui noi) suggeriscono inizialmente di eliminarli per qualche settimana e poi di rintrodurli (uno alla volta) per testare su noi stessi se sono cibi che tolleriamo o se ci danno problemi di intolleranze.
Se una persona ha molto peso da perdere e soprattutto ha problemi di metabolismo alterato (resistenza all’insulina oppure diabete tipo2 già conclamato), è necessario eliminare inizialmente  gran parte dei carboidrati, quindi eliminare o ridurre significativamente anche il riso e le patate, In questo modo il peso viene perso rapidamente e man mano che i Kg vengono eliminati anche il metabolismo e gli equilibri ormonali verranno ripristinati (questo discorso non vale per diabete tipo1) permettendo quindi poi di ripristinare la corretta assimilazione dei carboidrati.